sabato 27 settembre 2008

Veline per caso (?)

Veline per caso... o forse no!
Durante l'estate non ho seguito molto il programma che ha selezionato le due nuove veline, ma ho come l'impressione che Federica Nargi e Costanza Caracciolo non siano state scelte per caso. La prima infatti è fidanzata con Francesco Botta (GF8) l'altra, che al momento si dichiara single, afferma di essere gia stata con un calciatore, del quale non viene detto il nome. Non ci è dato quindi sapere con chi ha avuto una storia, ma credo che non sono state scelte solo per la loro bellezza (anzi, a mio parere erano le meno belle tra le finaliste)

venerdì 19 settembre 2008

Tubo catodico 1 - Telefonata a "tira e molla"

Oggi voglio inaugurare una nuova rubrica: Tubo catodico.
Posterò i video degli eventi più bizzarri che hanno fatto (ma anche no) la storia della televisione italiana.
Per iniziare eccovi l'incredibile telefonata dei fratelli Capone al programma di Paolo Bonolis "Tira e molla"

video

mercoledì 10 settembre 2008

La nuova "Ruota". Promozione a metà

L'altroieri è iniziato il nuovo ciclo di puntate della "Ruota della fortuna" che da quest'anno vede affiancati Vip e concorrenti comuni. Ebbene è proprio questa novità la parte peggiore della "Ruota" che nel contesto generale è migliorata rispetto allo scorso anno.
Migliorata perchè le frasi da indvinare nelle manches sono più serie e meno demenziali; migliorata perchè la frase finale è più abbordabile (visto che hanno anche abbassato i premi finali); migliorata perchè non ci sono piu quei siparietti trash tra Papi e Victoria...
Sarebbe una "Ruota" di discreti livelli (anche se difficilmente paragonabile a quella di Mike) se solo partecipassero i "comuni mortali" senza i Vip

giovedì 4 settembre 2008

Ritratti 2 - Gigi Sabani


E' passato un anno esatto da quando Gigi Sabani ci ha lasciati. Era il 4 settenbre 2007, e oggi, non potevo che dedicare a lui questo ritratto.

Gigi nasce a Roma il 5 ottobre 1952 e nella sua carriera è stato presentatore, imitatore e cantante.

Già all'età di 5 anni dimostra le sue qualità di imitatore riproducendo il rumore della circolare rossa Prenestina, che all'epoca faceva il giro della capitale. Successivamente, con la scuola, inizia ad imitare compagni e professori di scuola.
Per queste sue qualità la sorella Isabella lo iscrive a "La corrida" alla radio come imitatore dove si esibisce imitando come Gianni Morandi, Mino Reitano e Claudio Baglioni. Alla fine degli Anni '70 inizia la sua carriera in televisione , come imitatore.
Nel 1980 parteciperà a Domenica In, mentre, tra il 1981 ed il 1982 conduce due edizioni di Fantastico e Premiatissima.

Dal dicembre '83 presenta la prima edizione di uno storico quiz delle reti Mediaset, "OK il prezzo è giusto", in prima serata su Italia 1, con il quale si aggiudica due telegatti. Quattro anni dopo, nel 1987, torna in RAI dove gli viene affidata la conduzione di "Chi tiriamo in ballo?" programma della domenica pomeriggio di Rai Due.
Nel 1989 partecipa al Festival di Sanremo con la canzone "La fine del mondo", scritta da Toto Cutugno. Arriverà penultimo ma diverte il pubblico cantando imitando una ventina di personaggi.

L'anno successivo conduce "Stasera mi butto", programma estivo della seconda rete Rai e, nel gennaio del 1991, viene scelto per sostituire il cast di Domenica In.

Nella stagione 1991/92 conduce il programma del mezzogiorno Piacere Rai Uno insieme con Toto Cutugno. L'estate del 1992 lo vedono nuovamente protagonista con la conduzione di "Un biglietto per... la canzone del secolo", concorso canoro legato alla lotteria italiana. Nel 1994 conduce altri programmi, come "Ci siamo!?!", "Il grande gioco dell'oca" e "Re per una notte".
Nell'estate del 1996 Sabani viene coinvolto, accanto a Valerio Merola, nella vicenda giudiziaria legata alla corruzione nel mondo dello spettacolo, nata delle dichiarazioni di alcune soubrette. Sabani è accusato di induzione alla prostituzione ma viene però scagionato e risarcito per i 13 giorni di detenzione trascorsi agli arresti domiciliari.
Il 1997 è per lui un anno particolarmente impegnativo, è infatti alla conduzione di "Ballo, amore e... fantasia" con Iva Zanicchi e debutta nel cinema con il film "Gli inaffidabili".

Nel 1999 torna ancora in Rai per condurre "Sette per uno", insieme a Samantha De Grenet e Rosita Celentano. A partire dal 2000 conduce due edizioni di "La sai l'ultima?" insieme a Natalia Estrada mentre nell'estate del 2001 è al timone di un nuovo programma estivo di Canale 5, "Facce da quiz", insieme a Ellen Hidding e Alessia Mancini. Nella stagione televisiva 2002/2003 è nel cast di "I fatti vostri "su Rai Due. In seguito fu ospite fisso di Maurizio Costanzo a "Buona Domenica" per due stagioni.
Nell'estate del 2007 partecipa due volte come ospite a Matinée su Raidue dove parla del programma definendolo uno dei pochi nel quale si può parlare senza il rischio di essere censurati. Questa è stata la sua ultima apparizione televisiva.
Gigi Sabani scompare improvvisamente intorno alle 22.30 del 4 settembre 2007, stroncato da un infarto, mentre si trovava a Roma in casa della sorella Isabella.

martedì 2 settembre 2008

La TV che non c'è più 2 - Giochi Senza Frontiere

E' il momento di parlare di un altro programma che da ormai troppo anni è assente dai teleschermi della tv italiana, se non europera. Stiamo parlando di Giochi Senza Frontiere. Si il fantastico gioco estivo che ha tenuto compagnia l'intera europa per 30 edizioni. La prima nel 1965. il programma si è concluso nel 1999 dopo 34 anni e una pausa fatta dal 1983 al 1987.
Varie anche le edizioni invernali che sono state realizzate tra gli anni '80 e '90, e una puntata speciale, andata in onda il 26 dicembre 1990, da Macao (Cina).
Ettore Andenna è il volto storico, il simbolo, dei JSF italiani, ma non è stato l'unico. Forse pochi ricorderanno che a presentare il programma ci sono stati anche Enzo Tortora, Claudio Lippi, Milly Carlucci, Rosanna Vaudetti, Mariateresa Ruta e Mauro Serio.
Ma cerchiamo di ricordare il format.
In ogni puntata si sfidano le nazioni, che in quell'edione prendono parte ai giochi, schierando una squadra che rapresenta una città. Ogni formazione si compone di 8 elementi (4 donne e 4 uomini), un allenatore ed un capitano "non giocatori". I giochi di ogni puntata solitamente sono a tema: tutti i giochi di ciascuna puntata fanno da prova per raggiungere l'obiettivo finale che è anche la conclusione della storia. Uno dei giochi della serata viene detto "Fil Rouge", e vede impegnata una squadra alla volta. Il Jolly, invece, permette alle squadre di raddoppiare il punteggio ottenuto durante la gara. L'aspetto divertente è che a decidere ogni volta l'assetto della squadra non è il tipo di prova ma il sorteggio. La squadra con il miglior piazzamento o, a pari merito, con il punteggio più alto, accede alla finale.
Nei 30 anni hanno preso parte ai giochi 19 diverse nazioni (tra cui anche San Marino), ma solo l'Italia ha preso parte a tutte le edizioni.
Altro elemento da citare è l'aspetto itinerante dei giochi. Infatti ogni puntata veniva ospitata a rotazione dai paesi partecipanti. Questo elemento è stato attivo fino al 1996 quando si è deciso di svolgere i giochi in una sede fissa (tre volte in Italia e una in Ungheria).
Sono ormai 10 estati che i giochi non ci fanno compagnia, da quando si è deciso di chiuderli a causa dei costi troppo elevati, ma sono sempre rimasti nei cuori e nelle menti di tutti. A ricordarli ci pensa il sito www.giochisenzafrontiere.net sul quale è possibile firmare anche una petizione per il ritorno di JSF... ritorno che qualcuno aveva pronosticato per l'estate appena conclusa, cosa purtroppo non successa.

Spero solo di aver detto tutto (le cose da dire sono davvero tante) e di avervi fatto fare un bel tuffo nel passato.